• LEGGE 40: dal 2009 è tutto più lecito

    FECONDAZIONE ASSISTITA

    Dal maggio 2009 parte della legge 40 sulla fecondazione assistita è stata abrogata. Molti non hanno ancora le idee chiare a riguardo ma ad oggi i punti chiave di questa legge modificata sono 3:

     

    •    La fecondazione eterologa, ossia l’utilizzo di ovociti e spermatozoi estranei alla coppia è vietata.
    •    E’ possibile impiantare nello stesso momento più di 3 embrioni.
    •    E’ possibile crioconservare gli embrioni che si decide di non impiantare.

    Le modifiche apportate a questa legge hanno consentito di migliorare notevolmente i risultati delle tecniche di PMA in Italia.
    Uno studio condotto su 351 cicli di PMA eseguiti nel Centro di Fisiopatologia della Riproduzione Umana di Genova ha rilevato un aumento delle probabilità di successo di gravidanza per prelievo dal 24,2% al 28,1% e, tra i dati più interessanti, vi è quello che evidenzia un aumento della percentuale di gravidanza in donne con un’età superiore ai 36 anni dove si passa dal 15,2% al 28,7%. Questo lavoro dimostra inoltre una diminuzione delle gravidanze trigemine (dal 4.3% all’1,3%)  ma, allo stesso tempo, un aumento di quelle gemellari.
    In pratica dopo la sentenza della Corte Costituzionale, i ginecologi possono fecondare e impiantare più di 3 ovociti e possono inoltre decidere, in base alle condizioni di salute e all’età della paziente, di impiantare solo un numero limitato di embrioni (quelli qualitativamente migliore) crioconservando i restanti.

    Anche il cosiddetto “turismo riproduttivo”, che costringeva i pazienti a recarsi all’estero a causa delle troppe restrizioni imposte dalla legge 40, dopo il 2009 è calato notevolmente; oggi infatti ci si reca all’estero solo se è necessario ricorrere all’ovodonazione, quando cioè la paziente non ha ovociti fecondabili a disposizione e necessita dunque di una fecondazione eterologa.
    Poniamo fine, dunque, alle leggende metropolitane dove i centri stranieri sono più specializzati e migliori di quelli italiani; in questi anni i centri in Italia hanno accumulato una grande esperienza sia nella selezione qualitativa degli ovociti sia nella crioconservazione elementi chiave per l’ottima riuscita delle tecniche di fecondazione assistita!

Dr. Giuseppe Sorrenti - Ginecologo, Endoscopista

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Messina è specializzato in Ostetricia e Ginecologia presso l’ Università di Roma “Tor Vergata”.
Ha svolto la sua attività chirurgica, con un indirizzo prevalente verso la chirurgia miniinvasiva ed endoscopica, presso tre ospedali della Capitale: il Sant’Eugenio, il San Giovanni Calibita” sull’Isola Tiberina Re il Policlinico Universitario di Tor Vergata. È responsabile dell’ambulatorio di endometriosi, dolore pelvico e fibromatosi uterina. È Membro del GISE (Gruppo Italiano Studio Endometriosi) e Socio del SEGI (Società di Endoscopia Ginecologica Italiana) e di AAGL (Società Americana Ginecologi Laparoscopisti)

Oltre che la chirurgia ginecologica ed ostetrica tradizionale durante il corso di specializzazione ho approfondito i temi della chirurgia miniinvasiva, soprattutto endoscopica, eseguendo come primo operatore più di 600 interventi di chirurgia laparoscopica ed isteroscopica, sia diagnostica che operativa. È accreditato dalla SEGI (Società Italiana Endoscopia Ginecologica) come specialista di II livello per chirurgia endoscopica ginecologica. e ha svolto un dottorato di ricerca in Medicina perinatale Università di Roma Tor Vergata.
Durante tutta la propria formazione ha approfondito l’utilizzo delle tecniche endoscopiche (laproscopia ed isteroscopia) nel trattamento delle principali patologie ginecologiche con particolare attenzione all’endometriosi e all’infertilità.

Centro infertilità e di PMA Biofertility Contattaci per un consulto

Centro infertilità e di PMA Biofertility

Via degli Eroi di Rodi 214

Roma

Tel/Fax : 06-8415269

email: centrimanna2@gmail.com

Segreteria lun-ven 9 - 13 |15 - 19

FacebookTwitter